1. Innsbruck ● i tedeschi e i loro bretzel ●

➼ GIORNO 1 – sabato 15 agosto 2015

DESTINAZIONE: Innsbruck

“Ricordati di puntare la sveglia alle 5!”

“Certo, l’ho già messa!”

E fu così che nessuno sentì la sveglia e nessuno si svegliò, fino alle 6 e mezza…

Partiamo alle 7:36 con un bellissimo ritardo di un’ora e mezza ma ci mettiamo in macchina e via che si va.

Nel viaggio facciamo due soste: prendiamo la vignetta per l’Austria (info vignette europa work in progress) e ci fermiamo in un autogrill per guadarne la “versione” austriaca haha

  • Bagno a pagamento €0,50
  • Dolci stratosferici e torte megagalattiche
  • Pulizia maniacale
  • E… gelato “Nik & Jerry’s” cookie dough

 

IMG_8040

Innsbruck, in arrivooo

A mezzogiorno siamo già in giro; l’arrivo a Innsbruck è stato abbastanza freddino come prima impressione, è piccolina, niente di speciale ma comunque da farci un giro.

IMG_8043

 

Il Triumphpforte ci da il benvenuto e la Maria-Theresien-Strasse ci porta fino alla torre, deliziandoci con negozietti tipici e forni dall’aria davvero invitante.

Saliamo sulla Stadtturm ovvero la Torre civica (€3,50 adulti €2,50 studenti €1,50 bambini 6-15) e devo dire che mi aspettavo una vista migliore, però è comunque stato bello ammirare Innsbruck dall’alto con lo sfondo delle montagne.

3. Vista dall'alto di Innsbruck.JPG

Vista dall’alto di Innsbruck

Torniamo giù e ci infiliamo in una di quelle viette strette e carinissime. Entriamo in un negozio di grappe e sciroppi troppo strani“Tirol Geniessen”.

La tappa successiva sarebbe stata la Hofburg ma ci siamo trovati di fronte a un cartello in cui c’era scritto che è chiusa dal 12 al 16 agosto a causa di un ricevimento. Dicono però che se si è già stati alla Hofburg di Vienna si può rimanere un po’ delusi, quindi speriamo nella prossima!

Di fronte c’è il Cafè Sacher, dove una fettina di torta costa 5 eurini e noi abbiamo seguito il consiglio di molti altri turisti: mangiate la Sacher in qualsiasi altra caffetteria o bar che sia che è buona uguale, se non addirittura di più.

 

La Hofkirche (Chiesa di Corte) mi ha lasciata un stupita, è davvero strana e l’ho apprezzata molto, come anche il piccolo giardinetto all’entrata. (€7 adulti).

All’esterno sembrava un po’ anonima ma all’interno custodisce un autentico tesoro: due file di 28 statue bronzee con al centro il sarcofago di Massimiliano I (il corpo è sepolto a Vienna).

7. Organo

Abbiamo avuto anche la fortuna di ascoltare e vedere dal vivo un uomo suonare l’organo!

Andiamo a vedere il duomo di San Giacomo in Domplatz che è praticamente lì vicino. Essendo molto piccola come città si riesce a vedere tutto a piedi e in modo molto facile!

 

Lunch time! Andiamo da Kroll Strudel Café, un locale piccolino con pochi posti a sedere ma noi comunque prendiamo da asporto. Ci sono tantissimi tipi diversi di strudel ed è difficile scegliere ma alla fine optiamo per un classico Apfelstrudel e uno con ricotta e noci, poi non si poteva non prendere una fetta di Sacher e un bretzel!

(Strudel €3,50 Sacher €3,50 Bretzel €1,40)

Usciamo dal bar e assaggiamo subito un Bretzel: giuro che è buonissimo, soffice e salato al punto giusto. Non abbiamo fatto in tempo a finirlo che siamo tornati a prenderne un altro 😀

Decidiamo di dirigerci verso la prossima tappa per gustarci gli strudel nell’Hofgarten. Mentre ci incamminiamo inizia a piovigginare ma non ci perdiamo d’animo e continuiamo imperterriti, ma niente, diventa proprio infattibile, così torniamo alla macchina e lungo la strada del ritorno incontriamo il Der Backer Ruetz. Credo sia una catena perché l’avevo già visto da qualche parte.. è un forno in cui vendono tantissimi tipi di pane con i semi, strudel di vario genere, cornetti, panini ripieni, dolci… Un  p a r a d i s o. Compriamo un altro Apfelstrudel (€2,70), dobbiamo provarne diversi, eh! e poi era troppo invitante.. altri 2 Bretzel (€0,79 l’uno) e 2 tipi di pane diversi con dei semini.

L’Hofgarten è carino, ma niente di speciale, sarà che dopo aver visto quelli di Londra non mi può meravigliare più nessuno però…mi ha un po’ delusa.

Ci fermiamo su delle panchine e assaggiamo i nostri adorati strudel:

  • Apfelstrudel di Der Backer Ruetz: è paradisiaco, oltre alle mele a pezzettoni c’è una cremina fantastica che potrei nagiarne uno intero di strudel!
  • Apfelstrudel di Kroll: non vorrei dire ma ha un retrogusto di tabacco, non ha un cattivo sapore però questa cosettina mi da un po’ da fare…
  • Strudel di ricotta e noci di Kroll: buonino, ma niente di speciale.
  • Sacher di Kroll: buona, ma io non faccio pazzie per la sacher, quindi…

Mi sa che ha vinto la scoperta dell’ultimo minuto, il Der Backer Ruetz haha (del resto le cose belle si scoprono così!). Lo strudel e il pane con i semi erano trooppo buoni, anche se  i Bretzel ho preferito quelli di Kroll, sono più soffici e meno salati.

Torniamo alla macchina e alle 16:30 ripartiamo per la destinazione successiva: MONACO.

PASSI TOTALI 5800 (4.26 km)

 

13. INNSBRUCK.JPG

Innsbruck

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...